Le cose brutte accadono alle persone buone
Ho letto Viktor E. Frankl, Ricerca di significato dell'uomo. Nel suo volume sottile, Frankl descrive in dettaglio l'inimmaginabile sofferenza e la miracolosa sopravvivenza dei prigionieri nei campi di sterminio nazisti. Sopravvissuto, Frankl conclude che la sofferenza è una parte inevitabile della vita.

Abbiamo sentito più volte che accadono cose brutte alle persone buone. Ci sono libri e articoli che ci dicono così. Alcuni di noi probabilmente hanno anche sperimentato cose che "non meritavamo". Ne vediamo la prova nelle diagnosi mediche terminali e nelle sparatorie di massa. La prova è nelle vite perse, l'orrenda natura dei crimini e l'idea che persone innocenti e ordinarie possano essere uccise casualmente.

Frankl potrebbe obiettare che non è ciò che ci accade che conta, ma ciò che pensiamo, sentiamo e facciamo al riguardo. Certo potremmo avere legittime lamentele su un milione di cose e persone diverse nella nostra vita. Ma quando ci viene ricordato della fragilità della vita, cambiamo ciò che possiamo e accettiamo ciò che non possiamo o abbandoniamo la gratitudine a favore di lamentele e meschine lamentele?

Uno dei vantaggi di vivere una vita cara è la chiarezza che offre. Vivere con la consapevolezza che il nostro tempo è limitato ci motiva ad essere deliberati sulle nostre scelte. È più probabile che facciamo una distinzione tra ciò che possiamo e non possiamo controllare. Una cosa che possiamo sempre controllare è il nostro atteggiamento nei confronti di un'esperienza.

Quando accadono cose brutte possiamo scegliere di affogare nel dolore, bruciare nella rabbia o possiamo cercare la lezione e trovare il modo migliore per andare avanti. Possiamo scegliere di cercare un significato, trovare un modo per fare la differenza o lavorare per il cambiamento invece di dare la colpa o essere amari.

Anche quando non riusciamo a controllare ciò che sta accadendo nel momento, può essere potente decidere come interpretare le circostanze.

Ecco un esempio banale: sei in drogheria e la cassa è estremamente scortese. Decidi che è incompetente e sgradevole, quindi rispondi essendo ugualmente scortese? O decidi che sta vivendo una brutta giornata e concludi che il suo cattivo atteggiamento non ha nulla a che fare con te?

Certo, accadono cose molto più tragiche ogni giorno, ma il punto è come le interpretiamo - cosa decidiamo di fare dopo. Non è utile decidere che tutti, comprese tutte le forze dell'Universo, si siano allineate contro di te e una cultura di decenza e cura. La bontà può essere recuperata anche dal male più atroce.

Nel suo inoltro al libro di Frankl, Harold Kushner, autore di When Bad Things Happen to Good People, cita Nietzsche. "Chi ha un Perché per cui vivere può sopportare quasi ogni How." Il perché è ciò che ci fa andare avanti; è la nostra fonte di forza quando abbiamo voglia di arrenderci o quando nulla ha senso. Il perché può darci potere sul come perché è lo scopo che ci alimenta e ci motiva ... nonostante tutto.

Alla fine, la vita non riguarda il vivere incolume o indenne; si tratta di trovare significato e scopo e agire su quello scopo. C'è così tanto potere allo scopo che, in quasi ogni circostanza, può alleviare il dolore e spingerci avanti anche attraverso il nostro dolore più profondo.



Istruzioni Video: Perché cose brutte accadono a persone buone - Teal Swan (Dicembre 2021).