Sei invisibile?
La cosa più divertente del romanzo classico di Ralph Ellison, The Invisible Man è che questo romanzo di cinquantasei anni è ancora molto rilevante per l'esperienza afroamericana di oggi. La lotta per non sentirci invisibili agli altri è qualcosa che tutti noi sperimentiamo. Ci sono momenti in cui ci sentiamo tutti senza nome come il protagonista della storia di Ellison.

Quando il protagonista di Ellison dichiara nel prologo "Sono un uomo invisibile ... sono invisibile, semplicemente perché le persone si rifiutano di vedermi", questo taglia il cuore di ciò che molte persone hanno provato ad un certo punto. A causa del rifiuto degli altri di vederlo, la storia inizia con il narratore in un sotterraneo esilio autoimposto. Ruba l'elettricità e passa le sue giornate ascoltando Louis Armstrong "Che cosa ho fatto per essere così nero e blu?" Scopriamo che si è esiliato dal mondo per scrivere la storia della sua vita e raccontare agli altri come ha scoperto la sua invisibilità.

All'inizio della storia apprendiamo che il narratore è un oratore pubblico di talento. Ha vissuto nel sud negli anni '20 e '30. Viene invitato a parlare davanti ad alcuni uomini bianchi importanti in città. Nonostante il suo dono, i bianchi lo costringono a combattere in una battaglia contro altri giovani uomini neri mentre gli occhi bendati. Dopo l'esperienza umiliante, i bianchi gli danno una valigetta che contiene una borsa di studio per un college nero di alto profilo. Più tardi il narratore sogna un sogno in cui guarda la borsa di studio e dice: "A chi può interessare ... Mantieni questo negro in esecuzione." Quante volte scopriamo che anche se abbiamo doni meravigliosi, vengono ignorati dalle persone che vogliono vederci solo in un certo modo?

Mentre al college, il narratore si imbatte in problemi quando accompagna un ricco fiduciario bianco nel campus. Porta il fiduciario in un bar frequentato da veterani neri e prostitute. Scoppia una rissa e il fiduciario è ferito. Il presidente del college viene a conoscenza dell'incidente al bar ed espelle il narratore. Racconta al narratore che avrebbe dovuto mostrare al fiduciario la versione ideale della vita nera.

Gli afroamericani spesso scoprono che, consapevolmente o no, le persone hanno molte nozioni preconcette della vita dei neri. Alcune persone non pensano a quanto siano varie le vite degli afroamericani. Non è solo ciò che è ritratto in film come Boys in the Hood, né è come la vita dei Cosby. È tutto nel mezzo. Non esiste una versione "ideale" di Black life. Non esiste un'identità singolare per la comunità afroamericana.

Alla fine il narratore di The Invisible Man finisce ad Harlem e coinvolto in un gruppo chiamato Brotherhood. Scopre che la Fratellanza è un'organizzazione politica che afferma di lavorare per aiutare gli oppressi. Il narratore si unisce alla Fratellanza e diventa un oratore ben noto all'interno del gruppo. Tuttavia, presto incontra problemi all'interno del gruppo e dall'esterno. Man mano che la popolarità del narratore cresce, riceve una nota anonima che gli dice di ricordare il suo posto. È anche nemico di un nazionalista nero che disprezza il fatto che la Fratellanza sia integrata.

Ci sono molte volte nelle nostre istituzioni, organizzazioni e chiese in cui scopriamo che il volto presentato al mondo non è affatto il vero volto dell'organizzazione. Questo è vero è alcune delle nostre chiese. La chiesa è la spina dorsale della comunità afroamericana ma mentre molte chiese aiutano i senzatetto e fanno molte cose buone nella comunità, alcune sfortunatamente sono più coinvolte nei combattimenti tra le chiese e la necessità di un riconoscimento personale. Il vero scopo e l'identità della chiesa sono persi a causa della fragilità umana. Per fortuna, nelle chiese ci sono più cose buone che cattive.

Nel tempo, la situazione con la Fratellanza e i suoi membri peggiora. Un membro del gruppo finisce per fare il venditore ambulante per strada e dopo uno scontro con la polizia, il giovane viene assassinato. Quando il narratore si impegna a pianificare un funerale per l'uomo caduto, viene castigato per non aver costruito il "momento" della morte del giovane. Quante volte sentiamo il termine "nessuna buona azione rimane impunita" o "si parlerà della tua buona volontà"?

Quando il narratore fa arrabbiare Ras, il nazionalista manda i suoi uomini ad attaccare il narratore e il nostro protagonista è costretto a mascherarsi. Mentre lo fa, viene scambiato per uno squallido trafficante di strada che si chiama Rinehart.

Alla fine del racconto, ad Harlem è scoppiata una rivolta e quando il narratore viene inseguito dalla polizia, cade in un tombino. Questo è dove rimane.

Durante tutto il racconto, il narratore non ha identità. Nessuno lo vede. Lui è invisibile. L'unica identità che ha è quella che gli altri hanno posto su di lui. Che si tratti di uomini bianchi che lo considerano un animale, delle donne che vogliono che realizzi le loro fantasie sugli uomini neri o di altri afroamericani che vogliono che sia il loro portavoce e non un individuo, l'identità è un indumento che gli altri gli mettono addosso quando si adatta alle loro esigenze.

C'è speranza alla fine del racconto in cui, scrivendo la sua storia, si rende conto che deve onorare e rimanere fedele alla propria identità. Si rende conto che può ancora onorare la comunità e onorare se stesso allo stesso tempo.Questa potente rivelazione gli fa capire che può finalmente uscire dal sottosuolo.

Questa è una potente lezione per tutti gli afroamericani. Indipendentemente da ciò che pensa il mondo, o anche da ciò che pensano le persone a noi vicine, siamo individui con la nostra identità. Dobbiamo onorarlo sempre. Non possiamo permetterci di essere invisibili.

Istruzioni Video: SE NON TI MUOVI SEI INVISIBILE!! (Gmod NASCONDINO con gli OGGETTI) (Settembre 2021).