Rimanete in me e io in voi
Non uso mai la parola Abide nella conversazione di tutti i giorni. Se stavo immaginando un dialogo con un gentiluomo vagamente rurale e vecchio stile, potrei pensare a lui che dice: "Non posso sopportare quei nuovi telefoni cellulari". In effetti, la prima definizione per rimanere quando controllo il dizionario del mio elaboratore di testi è tollerare qualcosa. Ma se scorro verso il basso, trovo il significato che stavo cercando: abitare. Che, a pensarci bene, è un'altra parola che non usiamo più molto.

Ecco la cosa. Dimorare (nel senso di abitare, rimanere, continuare) è un concetto di fondamentale importanza nell'ultima conversazione di Gesù con i suoi discepoli, nell'ultima notte sulla terra, prima del Getsemani e del tradimento, della tortura e della morte e risurrezione. Le sue ultime istruzioni, si potrebbe dire ...per favore, prendi questo, Esorta i suoi seguaci—-capire questa cosa prima che io debba andare. Nel quindicesimo capitolo di Giovanni, Gesù fa delle promesse sorprendenti e sconvolgenti nel mondo del rimanere.

Gesù ci dice che è la vite e noi siamo i rami. “Rimanete in me e io in voi. Poiché il ramo non può dare frutto di se stesso, a meno che non risieda nella vite, nemmeno tu, a meno che tu non dimori in Me ”. Possiamo semplicemente prendere il resto della giornata e meditare sulla ricchezza di quella verità? Potremmo esplorare ogni parola e frase e costruire un negozio di tesori di saggezza, grazia, misericordia, istruzioni per vivere, avvertimento solenne e brillante promessa.

Gesù vuole che rimaniamo in Lui. Dimorare in Lui, essere in Lui, continuare, attendere, rimanere in Lui. In questa data tarda sembriamo principalmente di arrivare al posto successivo e fare la prossima cosa nuova, ma Gesù dice dimorare qui, in Me. Resta continuamente connesso a Me, la Fonte di tutta la vita. Sii uno con Me, come un ramo è uno con la sua vite, vivo solo a causa della linfa che scorre nella vite. Nella nostra vita, essere un tutt'uno con Gesù deve comportare il rispetto dei Suoi comandamenti (vedere il versetto dieci), pregare incessantemente, meditare sul Suo carattere e spesso fare una pausa per riallineare i nostri giorni con Verità e Realtà.

Gesù vuole dimorare in noi. Ci aiuta a capire cosa significa nel verso sette. "Se rimani in Me e le mie parole rimangono in te ..." Ah, le sue parole. Abbiamo quelli, seduti sul nostro comodino in una grande pelle nera o in un libro tascabile trasandato. Mi viene in mente un versetto dei miei primi anni di scuola domenicale: le tue parole ho nascosto nel mio cuore, per non poter peccare contro di Te. Questa è l'idea principale. Nascondi, custodisci, conserva la parola di Dio nel tuo cuore. Sì, questo significa memorizzarlo, nel caso tu stia inconsciamente resistendo a quell'idea! Sento spesso persone protestare che proprio non riescono a memorizzare, ma sicuramente va bene perché leggono la loro Bibbia abbastanza regolarmente. Ma penso che forse le visite frequenti non sono la stessa cosa del rimanere. No, non sentirti in colpa o rassegnato, continua a leggere per trovare qualche motivazione seria per fare continuamente lo sforzo di memorizzare le Scritture.

Gesù dice che il ramo che dimora nella vite produrrà frutti, che glorifica Dio. Se siamo i suoi figli (i suoi schiavi, i suoi portatori di immagini, i suoi ambasciatori), allora vogliamo essere fecondi mentre siamo sul pianeta, giusto? Vogliamo vivere in un modo che glorifica Colui che ci ha dato questa vita eterna.

Ma il kicker, la motivazione ultima appare nel versetto 16. La promessa più sorprendente legata al rimanere in Lui e portare frutto è questa: "così che qualunque cosa tu chieda al Padre nel mio nome, ti darà". Lascialo affondare per un po '. Se rimaniamo in Lui e Lui dimora in noi, porteremo frutto e ci verrà dato tutto ciò per cui preghiamo.

Tendiamo a togliere questo e altri versetti simili dal contesto, e quindi a mettere insieme argomenti per spiegare perché le nostre preghiere NON ricevono risposta. Ma il nocciolo della questione è qui: dimora in me e io in te. Quindi porterai frutto che glorifica Dio e ti verrà dato tutto ciò che chiedi in preghiera. È tutto un pezzo, una promessa di Dio, che non mente. Se sto pregando e non ricevendo risposte, non mi atterrerò in Lui, non gli permetterò di dimorare in me, e di conseguenza non vivrò in un modo che mi permetta di essere sicuro che sto pregando secondo la Sua volontà (vedere 1 Giovanni 5: 14).

Sono molto, molto lontano da quell'obiettivo. Voglio davvero tanto, tanto raggiungere questo obiettivo. Meglio smettere di scrivere e iniziare a pregare proprio ora, una preghiera che CONOSCO è secondo la sua volontà: che mi insegnerà a dimorare in Lui ogni momento. Che farà tutto ciò che è necessario in me per rendermi un posto adatto a Lui in cui dimorare. Che riverserà continuamente in me l'amore, la saggezza e il potere che mi danno la vita, così che io possa portare frutti che Lo glorificano. Chiederò questo a mio Padre, nel nome del mio Salvatore, e sarò pronto affinché la risposta inizi a dare fuoco alla mia vita in qualsiasi momento.

Istruzioni Video: Rimanete in me, Amore - preghiera per il tempo di Pasqua di Dom Guillaume (Gennaio 2022).