10 passi verso una migliore auto-difesa
L'auto-difesa è un'abilità importante nella scuola, nel lavoro e nella vita. Prima di parlare con qualcun altro, tuttavia, chiediti alcune cose molto importanti e chiediti ripetutamente periodicamente in modo da sapere se sei un efficace sostenitore di se stesso. Capisci e accetta te stesso come sei? Puoi e ti assumi la responsabilità delle tue azioni? conosci i tuoi diritti? Comprendi i sistemi che eseguono i programmi di cui hai bisogno per supportarti? Sai come trovare le risorse disponibili per aiutarti a essere indipendente? Capisci le tue esigenze personali? Puoi stabilire e raggiungere obiettivi nella tua vita? Che ne dici di essere assertivo? Sai come essere persistente se ritieni di non essere ascoltato?

Ci sono molti passaggi per essere un migliore sostenitore di sé, ma ci sono dieci passaggi che sono essenziali per chiunque, indipendentemente da quale sia la tua disabilità.

1. Accetta la tua disabilità. Prima di poter difendere te stesso, devi ammettere a te stesso che hai davvero una disabilità, indipendentemente da quando o come sia avvenuta. Non sei stupido o meno capace di chiunque altro. Non sei pigro. Probabilmente hai lavorato molto duramente per arrivare dove sei. Ora è il momento di ammettere che hai delle sfide e potrebbe essere necessario un aiuto particolare per avere successo.

2. Ammetti la tua disabilità ad altri. Non puoi essere un avvocato di successo se continui a nascondere le tue difficoltà ad altre persone. Non puoi aspettarti che insegnanti e supervisori forniscano alloggi adeguati se non conoscono la tua disabilità. Inoltre, è altrettanto importante poter ammettere le tue difficoltà ai tuoi amici. Quando puoi davvero essere onesto sulla tua disabilità, scoprirai che non proverai più vergogna o imbarazzo per le tue sfide. Essendo aperto, puoi trascorrere più tempo a rilassarti e divertirti nella vita piuttosto che rimanere teso e nasconderti.

3. Comprendi il tuo stile di apprendimento se la tua disabilità è una disabilità di apprendimento. Spero che tu abbia una buona comprensione di come funziona la tua mente e di come il tuo stile di apprendimento influisce sulla scuola e sul lavoro. Tutti abbiamo diversi stili di apprendimento. Alcuni di noi imparano meglio ascoltando. Altri sono più visivi o preferiscono un approccio pratico. Come apprendi meglio le nuove cose? Se le idee offerte non hanno senso, chiedi aiuto per capire meglio o chiedi altre idee sull'elaborazione delle informazioni che potrebbero adattarti meglio. Se non capisci come impari, non puoi chiedere alloggi di cui hai veramente bisogno.

4. Comprendi come altri problemi potrebbero interferire con la tua difesa personale. Hai appreso degli effetti comuni di una disabilità, tra cui bassa autostima, difficoltà di comunicazione, varie esigenze di alloggio e altro ancora. Pensa a come questi problemi potrebbero interferire con la tua capacità di difendere te stesso:

Sei troppo timido per chiedere aiuto?
Sei facilmente imbarazzato o frustrato?
Puoi comunicare le tue esigenze o devi chiedere a qualcuno (insegnante, personale di supporto, genitore o amico) di aiutarti a chiedere un alloggio?
Sei impulsivo e tendi a dire o fare cose che vorresti non avere in seguito?
È importante essere aperti e onesti su uno di questi temi per rafforzare la tua capacità di essere un efficace difensore di sé.

5. Sai di cosa hai bisogno!

Tutte le tue esigenze vengono soddisfatte nella tua comunità, al lavoro, a scuola, a casa, con la tua famiglia, con i tuoi fornitori di servizi, i professionisti medici? Riesci a pensare ad altri alloggi che potrebbero funzionare meglio per te? Non sai se il meglio è disponibile fino a quando non lo chiedi! Non dare mai per scontato.

È impossibile prevedere ogni singola necessità che la tua disabilità presenterà tutta in una volta, ma capirai cosa funziona meglio nel tempo. Dovrai trovare alcune idee per conto tuo lungo la strada. E va bene cercare suggerimenti da altri nella tua situazione!

Anticipa le tue esigenze in classe, al lavoro e durante le riunioni. Non aspettare l'ultimo minuto per preoccuparti delle sistemazioni. Non appena intraprendi una nuova lezione, un nuovo progetto di lavoro o una nuova responsabilità, fai attenzione alle possibili cose di cui avrai bisogno per avere più successo.

6. Fin dall'inizio di ogni lezione o progetto di lavoro, dovresti pensare a come potresti essere in grado di apprendere meglio il materiale. Forse l'istruttore ha uno stile che ti confonde. Forse ci sono troppe distrazioni nella stanza. Forse i compiti non ti vengono presentati in modo chiaro. Inizia a parlare con i tuoi insegnanti e supervisori delle sistemazioni il prima possibile. Prima inizi a parlare, prima saranno soddisfatte le tue esigenze e la lezione modificata in modo da poter partecipare meglio.

7. Conosci i tuoi diritti e responsabilità. Sei davvero pronto a discutere i tuoi diritti con un insegnante o un supervisore che potrebbero essere "riluttanti" a fornire alloggi adeguati? Esegui gli scenari nella tua mente in modo da sapere cosa sarai in grado di fare e dire se si presenta un problema. Sai a chi rivolgersi per ricevere supporto quando le tue esigenze non vengono soddisfatte? Ricorda, le sistemazioni hanno lo scopo di contrastare gli effetti negativi della tua disabilità, non solo di semplificare la scuola o il lavoro. Non approfittare dei tuoi diritti di alloggio e accesso richiedendo cose di cui non hai davvero bisogno. Non si tratta di comodità delle creature. Si tratta di essere completamente inclusi a scuola e al lavoro.

8. Apriti al compromesso. Alcuni insegnanti e supervisori si piegheranno all'indietro per soddisfare le tue esigenze. Altri saranno meno flessibili.Preparati a scendere a compromessi per ottenere almeno alcune sistemazioni. Potrebbe anche essere necessario dimostrare a un insegnante o a un capo che hai davvero bisogno di aiuto e che non sei solo pigro. Se raggiungi un accordo con il tuo insegnante o supervisore, assicurati di dare seguito a tutto ciò che hai accettato di fare. Questo aiuta a creare fiducia tra entrambi.

9. Sapere dove andare per il supporto. A volte anche un efficace difensore di sé ha bisogno di sostegno quando si deve parlare di una situazione difficile. Trova qualcun altro che capisca la tua disabilità, che cosa desideri e di cui hai bisogno e che possa fornire supporto quando ne hai bisogno.

10. Pianificare per il futuro. Molte persone con disabilità cercano solo di sopravvivere un giorno alla volta e non pensano troppo agli obiettivi a lungo termine. Ma per difendere davvero te stesso, devi pensare a dove vuoi essere tra uno, due, cinque o dieci anni.

Pensa alle domande che hai in mente. Che tipo di lavoro vuoi fare dopo la laurea? Cercherai un diploma superiore al college di quello che hai già? Vuoi lavorare a tempo pieno? Vuoi diventare proprietario di una casa? Vuoi altri amici? Vuoi una relazione, o ad oggi? Vuoi vivere altrove? Hai bisogno di più supporti per portarti dove vuoi andare? La tua comunità ti coinvolge pienamente come cittadino disabile? Dove potresti essere più coinvolto e avere una voce?

Quando hai un piano molto chiaro per il futuro, sarai più in grado di vedere la ragione di tutti i passi che stai facendo oggi per raggiungerli. Che tu abbia una disabilità o meno, è sempre bene avere un buon piano d'azione.


Istruzioni Video: Top 10 Arti Marziali più Letali nella Difesa Personale (Dicembre 2021).